Ecco perchè gli insetti sono il futuro per la nutrizione del pianeta

Admin 12 giugno 2014 0
Ecco perchè gli insetti sono il futuro per la nutrizione del pianeta
  • Views 630

Milioni di vermi che rotolano intorno a pezzi di frutta o a tocchetti di carne appena grigliata, portate enormi che contengono larve in festa che si contorcono: sono le nuove ricette dei migliori chef premiati. Gli insetti potrebbero ben presto essere ad un passo dalla catena alimentare che nutrisce gli animali che diventeranno il nostro piatto preferito. Da sempre l’entomofagia fa parte della cultura gastronomica in Africa, Asia, America del Sud. Perché non farne un commercio a livello internazionale?

Piatti del genere sono all’occorrenza del giorno per una compagnia sudafricana, che con il proprio sito web sta testando la promozione di quello che, crede, sarà il commercio più fruttuoso: quello delle mosche. Negli USA, Canada, Francia, Olanda si stanno già preparando all’allevamento su larga scala di insetti per nutrire polli, maiali e pesci. Per i polli, è sempre stato normale scovare qua e là insetti nel cortile.

Finora, nessuno ha mai pensato che questo potesse esser la base del loro nutrimento, fino a farne un commercio a livello industriale. I sostenitori di quella che non sembra solo una filosofia, sono convinti che gli insetti costituiscano un’alternativa ai più comuni cereali, farina di pesce e soia, ugualmente sostanziosi ma certamente più costosi.

Secondo La FAO, organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, gli insetti rappresentano un’enorme risorsa alimentare che potrebbe persino bloccare la fame nel mondo. Infatti, contribuisce da anni a diffondere il consumo degli insetti ad uso alimentare, finanziando ricerche, ed a favorirne la conoscenza.

In Italia è l’università dell’Insubria di Como che ha organizzato, nel 2013, un convegno a tema. La questione è: i consumatori riusciranno a digerire l’idea di un salmone affumicato, un hamburger o costolette provenienti da animali nutriti con vermi?

Fonte: curiosone.net

Leave A Response »

You must be logged in to post a comment.