Guerra di Osama (tratto da: Guerra di Piero – F. De Andrè) Dormi sepolto in un campo di oppio,

Franco 26 novembre 2013 0
Guerra di Osama (tratto da: Guerra di Piero – F. De Andrè) Dormi sepolto in un campo di oppio,
  • Views 639

morto ucciso ed appeso ad un cappio, che ti fa veglia all’ombra del fosso, ove già spunta un bel tocco di osso. Così dicevi ed era d’inverno e con Omar verso l’inferno te ne vai triste come chi deve e, lui ti spunta in faccia la neve. Fermati Osama, fermati adesso, lascia che Bush ti passi un po’ addosso, dei morti di York ti porti la voce, chi diede la vita ebbe in cambio una croce. Non lo facesti ed il tempo passava ed il Kyber s’allontanava speravi di varcar la frontiera in un bel giorno di primavera. Mentre portavi Saddam sulle spalle, vedesti Colin giu’ nella valle che aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro colore. Sparagli Osama, sparagli ora, e se non basta sparagli ancora fino a che Omar, non lo vedrà esangue, cadere in terra e coprire il suo sangue. Ma se gli spari in fronte o nel cuore soltanto il tempo avrà per morire, ma il tempo a me resterà per vedere, vedere gli occhi di Colin che muore. Mentre gli usi questa premura, Colin si volta, ti vede, ha la goduria, ed imbracciata l’artiglieria non ti ricambia la cortesia. Cadesti a terra senza il Corano mentre la vita ti lasciava la mano. Cadesti a terra senza il Corano mentre la vita spariva lontano. Maometto mio crepare di maggio ci vuole tanto, troppo coraggio. Maometto bello dritto all’inferno avrei preferito andarci in inverno. E mentre Omar ti stava a sentire dentro alle mani stringevi il fucile dentro alla bocca stringevi il Corano ormai certo di averlo nell’ano. Dormi sepolto in un campo di mine, con addosso un manto di spine, che ti fan veglia all’ombra del cappio, con tanti bei papaveri d’oppio.

Leave A Response »

You must be logged in to post a comment.