Perché in città fa più caldo che fuori?

Roberto 16 dicembre 2014 0
Perché in città fa più caldo che fuori?
  • Views 880

I meteorologi hanno definito per le città la terminologia “isola di calore” per via della differenza di temperatura (generalmente di 3 gradi) tra la zona urbana e le campagne circostanti.

Il motivo principale di questo fenomeno è la mancanza in città di vegetazione che produce ombra, inoltre il processo di fotosintesi è una reazione biochimica che consuma calore dall’ambiente esterno.

Nel centro città poi si accumula molto calore per via dei materiali impiegati nella costruzione di edifici e per l’asfalto scuro delle strade che assorbono la luce solare tendendo a riscaldarsi durante il giorno e raffreddandosi lentamente durante la notte.

A questo va aggiunto anche l’effetto provocato dalle facciate dei palazzi alti e molto vicini tra loro, che creano insenature verticali all’interno delle quali le radiazioni solari vengono catturate da una serie di molteplici riflessioni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Perché-in-città-fa-più-caldo-che-fuori

temperature-in-città

caldo-città

L’effetto isola di calore è più alto dopo il tramonto perché la periferia comincia prima a raffreddarsi. Durante la notte il gradiente di temperatura tra campagna e città è quasi nullo, mentre all’alba il primo sole riesce a scaldare più la vegetazione fuori città che gli edifici, i quali restano per le prime ore del mattino ancora freddi.

Nella zona urbana, comunque, una parte del calore deriva anche dalle attività umane: macchine, pompe di calore, elettrodomestici, persino le persone emanano calore dalla pelle.

In alcune zone turistiche, il calore immesso nell’atmosfera con le attività umane è talmente alto che supera di gran lunga quella dovuta alla radiazione solare.

Fonte: curiositaeperche.it

Leave A Response »

You must be logged in to post a comment.