Un gruppo di animali non contento del proprio aspetto fisico,

Franco 19 novembre 2013 0
Un gruppo di animali non contento del proprio aspetto fisico,
  • Views 0

decide di ribellarsi e per tale motivo invia una delegazione direttamente a discutere con Dio. La delegazione composta da una Giraffa, un Elefante ed una Gallina arriva in Paradiso ed aspetta di essere ricevuta. Finalmente entra la giraffa. Dio: – Cara giraffa cosa ti spinge fin qui? – Signore, mi sento così brutta e strana con questo collo lungo, è proprio vergognoso, non è che si potrebbe rivedere il mio aspetto fisico? – Creatura ingrata, metti in dubbio l’operato del Signore!? Io c’ho studiato prima di crearti, te sei la perfezione. Guardati bene e ragiona: quel collo ti serve per andarti a magnare il cibo più prelibato e per respirare l’aria più pulita. – Hai proprio ragione Signore non ci avevo pensato, che stupida che sono stata. La giraffa esce contenta e tutta arzilla, entra l’elefante. Dio: – Anche tu qui, non mi dire che ti vuoi lamentare?!! – Ma Signore è possibile che io debba avere un naso così lungo e delle orecchie così grandi? – Ingrato!! Tu sei il simbolo della perfezione, sei una creatura completa di optionals, quelle orecchie ti servono per rinfrescarti quando fa caldo e con quel naso puoi bere senza chinarti. Gli altri pagherebbero oro per avere quello che hai tu. Pussa via e vergognati! L’elefante convinto esce tutto felice, al ché la gallina li fulmina: – Ma fateme capì, semo venuti qua pe’ lamentarci e pe’ facce fa più belli e invece voi uscite tali e quali e per di più contenti? Giraffa: – E certo ma non vedi che io sono perfetta? Posso mangiare il cibo più buono sopra gli alberi e respiro l’aria più buona; te piacerebbe esse’ come me!! Elefante: – Pure io non lo vedi come so’ bello, sono un animale condizionato, mi riesco a rinfrescare quando è caldo e riesco a bere senza sporcarmi, te piacerebbe esse’ come me! La gallina incassa ed entra decisa da Dio. Dio: – Anche tu ingrata qui a lamentarti?!! Tu sei la perfez….. – Nun te ‘nventà ‘n cacchio. O l’ovo più piccolo o il culo più grosso!

Leave A Response »

You must be logged in to post a comment.